L’innovazione nel settore vitivinicolo attraverso i Gruppi Operativi. L’analisi sul sito Pianeta PSR

da | 28 Dicembre 2020 | Gruppo operativo

Il settore vitivinicolo italiano riveste un ruolo particolarmente importante all’interno dell’intero comparto agro-alimentare. Tale peso si è riflesso anche nei Gruppi Operativi e nelle innovazioni da essi introdotte

Il settore vitivinicolo in Italia riveste una certa importanza sia per tradizione produttiva sia per i numeri che ne caratterizzano la produzione. Nel 2019 il suo fatturato (13 miliardi di euro) rappresentava il 10% di quello dell’intero comparto agro-alimentare italiano.  Le aziende viticole in Italia sono poco più di 310 mila e ricoprono una superficie pari a 666 mila ettari, di cui 425 mila riguardano vigneti classificati come DOCG e DOC, e 98 mila, invece, produzioni IGP. Nel triennio 2017-2019 il numero di aziende viticole in Italia è rimasto invariato, mentre ad aumentare sono state le superfici, che si attestavano in 652 mila ettari nel 2017 (+1,3%). L’incremento delle superfici vitate si è, dunque, tradotto in un aumento della concentrazione delle aziende esistenti, portando a una crescita della dimensione media delle aziende, che ha di poco superato i 2 ettari. L’aumento delle superfici ha coinciso con l’abolizione del sistema delle quote e con l’introduzione, a partire dal 2015, del nuovo sistema autorizzativo di gestione delle superfici. Tali aumenti si sono concentrati principalmente in Veneto, Friuli-Venezia-Giulia, Lombardia e Toscana. La Sicilia è la regione con la superficie vitata superiore, seguita dal Veneto e dalla Puglia.

Per quanto riguarda la trasformazione, le imprese vinificatrici sono poco più di 45 mila, per una produzione che nel 2019 ha sfiorato i 48 mila ettolitri di vino. Il numero delle aziende di trasformazione ha registrato una riduzione del 27% tra il 2010 e il 2015. La Toscana, con poco più di 10 mila aziende, è la regione con il maggior numero di aziende trasformatrici, seguita da Piemonte, Campania e Veneto. In termini di ettolitri prodotti, il Veneto si posiziona in cima alla classifica producendo il 22% della produzione nazionale, seguito da Puglia ed Emilia-Romagna. La produzione italiana conta anche un numero notevole di vini coperti da certificazione; in particolare 75 sono i vini DOCG, 345 quelli DOC e 123 gli IGP.

Le esportazioni sono fondamentali per il settore vitivinicolo. Poco meno della metà della produzione nazionale, infatti, è destinata all’esportazione, rappresentando il 7% del totale delle esportazioni agroalimentari del Paese. Nel 2019 l’Italia è ritornata a essere il primo paese esportatore per volumi, mentre il secondo in valore, sebbene abbia registrato un aumento del 3%.

Questa breve introduzione evidenzia l’importanza che il settore ha in Italia, sia in termini di produzione agricola che alimentare, sia per il mercato nazionale sia per quello estero. Non stupisce, di conseguenza, l’interesse che gli operatori del settore hanno dimostrato nei confronti dello strumento dei Gruppi Operativi (GO) come veicolo di innovazione nel settore.

 

I gruppi operativi nel settore vitivinicolo

L’importanza dell’innovazione legata al settore vitivinicolo è evidente anche dal peso che tale tematica ha rivestito all’interno dei GO italiani, rappresentando il 13% circa dei GO selezionati e il 20% circa delle risorse concesse pari a oltre 22 milioni di euro dedicati.

In termini di distribuzione territoriale, la concentrazione dei GO vitivinicoli segue, per certi versi, la vocazione stessa dei territori coinvolti. Tra i 62 GO impegnati nell’introduzione di innovazioni sul comparto, infatti, è possibile osservare una particolare concentrazione in Emilia-Romagna (17), Veneto (13) e Toscana (9) (Figura 1).

Tuttavia, è bene precisare che ancora diverse regioni, nelle quali il settore vitivinicolo è considerato rilevante (Piemonte, Sicilia) sono in corso di selezione dei progetti di innovazione e che per alcune di queste, pur avendo già completato tale processo, non sono ancora disponibili informazioni complete.

Nota: Le percentuali sono calcolate sul totale dei GO presenti nella banca dati Innovarurale al momento dell’elaborazione.
Fonte: Nostre elaborazioni sul DB
www.innovarurale.it e graduatorie regionali

Figura 1: Ripartizione dei GO vitivinicoli per Regione

Leggi l’articolo completo di Valentina CartaMara Lai, CREA – Politiche e bioeconomia su:
http://www.pianetapsr.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/2471